TeleMedicina : un aiuto per battere il Covid-19

Nel post “Evitare la terapia intensiva? Forse si può” abbiamo evidenziato come un controllo continuo con il SATURIMETRO, possa evitare a molti pazienti che sono in quarantena a casa il rischio di finire in  terapia intensiva.

Un fondamentale aiuto per effettuare questo controllo presso tutti i pazienti sottoposti a quarantena è l’utilizzo della TELEMEDICINA.

L’innovazione digitale può rappresentare una leva strategica fondamentale per rispondere alle grandi sfide che si pongono oggi per un sistema sanitario che è tenuto ad affrontare il grande impatto del COVID-19.

Il settore sanitario è quindi caratterizzato dalla crescente domanda delle strutture pubbliche e private di soluzioni tecnologicamente avanzate: controllare il paziente permette di aumentare la precisione della diagnosi e la qualità della cura ed evita i rischi di contagio poiché le iterazioni con il personale medico avvengono attraverso l’uso di tecnologie informatiche.

I dispositivi medicali connessi in rete grazie all’Internet of Things (IoT) possono aiutare a tracciare i risultati delle terapie mediche e anticipare eventuali problematiche prima che esse raggiungono livelli di allarme.

La TELEMEDICINA consente di minimizzare gli spostamenti dei pazienti mantenendo contemporaneamente la comunicazione tra pazienti e medici, con scambio di informazioni audio, video, testi, immagini o altre forme necessarie per la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il successivo controllo dei pazienti.

Combinando lo stato dell’arte dell’innovazione tecnologica relativa alla comunicazione in tempo reale di persone (WebRTC) e di cose (Internet of Things), la TELEMEDICINA permette una comunicazione su protocolli sicuri fra il paziente e la struttura sanitaria.

Con la TELEMEDICINA è possibile effettuare :

  • Chiamate audio/video su protocolli sicuri criptati;
  • Chat fra paziente e personale sanitario;
  • Monitoraggio dei parametri vitali;
  • Raccolte immagini DICOM (Digital Imaging and COmmunications in Medicine);
  • Televisita, Teleconsulto;
  • Gestione della cartella clinica;
  • Controllo della terapia;

Per potere gestire un paziente in TELEMEDICINA esso viene fornito di un APP installabile su smartphone o tablet che si connette ai dispositivi medicali tramite protocollo Bluetooth.

I dati raccolti vengono inviati alla struttura sanitaria che può decidere di contattare il paziente per una verifica dello stato di salute provvedendo ad effettuare e a raccogliere in tempo reale i dati del paziente instaurando un TELECONSULTO.

Anche il paziente può spontaneamente provvedere tramite l’applicazione a contattare il servizio sanitario che lo assiste per richiedere un consulto.

Il personale sanitario può decidere di chiedere un parere ad uno specialista instaurando una conferenza.

Questa tecnologia, messa a disposizione del personale sanitario, darebbe a loro un’arma in più per vincere la sfida con il COVID-19 diminuendo al minimo indispensabile i contatti con i pazienti contagiati.

Proprio adesso e in questo momento di difficoltà può fare la differenza perché la TELEMEDICINA permette di acquisire a distanza informazioni sullo stato di salute del paziente e permettere agli operatori di lavorare in sicurezza senza inutili esposizioni che potrebbero compromettere le strutture ospedaliere centrali. Per fare un esempio, utilizzare un apparecchio apparentemente semplice come un saturimetro senza supporto medico potrebbe indurre un paziente in errore, potrebbe infatti valutare in modo errato i parametri, invece con supporto medico le informazioni sui parametri del paziente verrebbero acquisite e quindi valutate da personale esperto. Inoltre, i soggetti con patologie pregresse, che vanno ad inficiare i livelli di ossigeno nel sangue, oppure in soggetti fumatori ecc. presentano un quadro particolare che può essere valutato con piu’ accuratezza solo da personale medico. Infatti un primo confronto con il medico di famiglia, che già è a conoscenza delle condizioni di salute del suo paziente, può fare la differenza così da intervenire se necessario e in modo corretto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su